Inserimento al nido

Inserimento al nido

Qualcuno sostiene che il nido è un’esperienza potenzialmente traumatica per i bambini che, specie se piccoli, non avrebbero alcun motivo di interagire con altri bimbi ma beneficerebbero solo della presenza dei familiari. Difficile definire l’età in cui il bambino è troppo piccolo per il nido perché l’inserimento è solitamente tarato sul rientro al lavoro di mamma o papà. Ma dal punto di vista evolutivo quando sarebbe più opportuno?

È preferibile che accada quando i genitori si sentono in grado di farlo. Ciò significa che è consigliabile iniziare quest’esperienza quando si è ancora sufficientemente liberi dagli impegni lavorativi, per poter garantire al bambino il tempo necessario all’inserimento. Questo passaggio va effettuato in modo graduale e tutti i nidi, sia pubblici che privati, hanno delle regole ben precise a riguardo. Solitamente vengono consentiti almeno 15 giorni perché il bambino si inserisca nel nuovo ambiente e grandi e piccoli si abituino a separarsi.